C'è di nuovo a Palermo Young Citizen Yourights.Eu H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization

 

 

PALERMO - Una conferenza, una biblioteca vivente, una tavola tonda, un aperitivo multilingua e tanta musica. È questo il programma de “La mia terra è dove poggio i miei piedi”, la giornata che si svolgerà mercoledì 10 dicembre da Moltivolti (via M. Puglia 21) e organizzata in occasione del 66° anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani, il primo documento che sancisce universalmente, in 30 articoli, i diritti che spettano all'essere umano firmato a Parigi nel 1948. “Per il sesto anno consecutivo offriamo l'occasione alla città di Palermo di soffermarsi un momento a riflettere sul valore fondamentale dei diritti”: dice Marco Farina, presidente dell'associazione Hryo ed ente capofila dell'organizzazione della giornata. E continua: “Il riconoscimento e la valorizzazione di questi dovrebbero essere il punto di riferimento di tutte le Istituzioni ed associazioni”.   

 

Si inizia alle 10 con “Mobility & Human Rights”, un incontro per parlare del fenomeno migratorio in Europa e di seconde generazioni. All'incontro interverranno Fulvio Vassallo Paleologo, docente di Diritto d'Asilo dell'Università degli Studi di Palermo, e Stefano Edward, presidente dell'associazione Giovani Tamil Sez. di Palermo. La mattina sarà anche l'occasione per presentare al pubblico “Il Mondo Fuori”, la nuova testa giornalistica nata con lo scopo di dar voce ai flussi di migranti in entrata e in uscita dall'Italia. Dopo la pausa pranzo, dalle 15 e fino alle 17, si ricomincia con la Biblioteca Vivente: una raccolta di libri fatta di persone in carne ed ossa che, se scelti, racconteranno ai “lettori” la propria esperienza di vita caratterizzata da discriminazioni, subite perché appartenenti ad alcune minoranza. "Sfruttamento lavorativo e ricatto sessuale. Quali alternative possibili per le donne rumene nelle campagne del Ragusano?" è invece il tema della tavola tonda che inizierà alle 17. Un appuntamento che vedrà protagonisti Mariangela Di Gangi di Laboratorio ZEN Insieme, Letizia Palumbo, ricercatrice dell'Università degli Studi di Palermo ed Umberto Di Maggio di Libera Sicilia. Durante l'aperitivo invece si potrà mettere alla prova le proprie capacità linguistiche: saranno infatti allestiti dei tavoli dove si potrà parlare in inglese, francese e spagnolo. Dalle 22 in poi la musica sarà a cura di dJ aJde!

L'organizzazione dell'evento vede anche la partecipazione delle associazioni CEIPES e Forme.

 Programma:

 

“La mia terra è dove poggio i miei piedi”

Ore 10 – 12

Mobility & Human Rights
• Fenomeno migratorio di oggi in Europa – Diritti e doveri dei migranti (Fulvio Vassallo Paleologo, docente di Diritto d'Asilo dell'Università degli Studi di Palermo).
• Le seconde generazioni e i problemi connessi ai popoli dimenticati e vittime di genocidio: il caso Tamil (Stefano Edward, presidente dell'associazione Giovani Tamil Sez. di Palermo).
Durante la conferenza verrà presentato “Il Mondo Fuori”, testata giornalistica diretta da Irene Leonardi.
A cura di H.R.Y.O.

Ore 15 – 17

Biblioteca vivente
A cura di CEIPES

Ore 17 – 19
Tavola rotonda : “Sfruttamento lavorativo e ricatto sessuale. Quali alternative possibili per le donne rumene nelle campagne del Ragusano?

Ne discutono:
• Mariangela Di Gangi (Laboratorio ZEN Insieme)
• Letizia Palumbo (Ricercatrice Università degli Studi di Palermo)
• Umberto Di Maggio (Libera Sicilia)
A cura di Moltivolti

Ore 19 – 21

Aperitivo Multilingua
A cura di associazione Forme

Ore 22 – 24

dJ aJde! (World Beats dj Set)

La H.R.Y.O. (Human Rights Youth Organization) realizza progetti che vedono nella divulgazione della cultura, nel dialogo fra i diversi popoli e nella nonviolenza il suoi fondamenti basilari; essa individua nel metodo nonviolento e nella partecipazione attiva da parte dei giovani i mezzi necessari e i canali principali per uno sviluppo coerente, prospero e pacifico della società civile. Si impegna a tal fine nell’organizzazione di campagne di sensibilizzazione, di scambi culturali, di gemellaggi con paesi stranieri e di corsi di formazione basati sull'educazione non-formale, sulle attività interculturali giovanili e sulla libera creatività del singolo e dei gruppi, sia a livello locale che internazionale.

 Per maggiori informazioni è possibile visitare l'evento Facebook all'indirizzo http://www.facebook.com/events/712668655489232/?fref=ts 

Per gli studenti di Giurisprudenza interessati al seminario e che vogliono partecipare otterrano 1 cfu.

La partecipazione comporta la presenza alle attività del seminario dalle 10:00 alle 19:00. La presenza sarà formalizzata da un foglio firme di entrata e di uscita. La mancata partecipazione alle attività comporterà l'esclusione e la non attribuzione del credito formativo.

 Per info e iscrizione inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto la matricola, il proprio nome e cognome e adesione al seminario. L'iscrizione è prevista per max 100 studenti e prevede la prova finale consistente nella lettura di un testo che verrà comunicato successivamente e la stesura di una relazione di max 15 righe sui temi affrontati durante la giornata.

Per facilitare la raccolta firme si richiede agli studenti di presentarsi presso Moltivolti, via M. Puglia 21, quartiere Ballarò, alle ore 9:30.

 

Tuesday the 23rd. .